CHI SIAMO

 

La  Storia

Correva l’anno 1837 quando il pittore tifernate Vincenzo Chialli fondò a Sansepolcro  la “Scuola di disegno e pittura”, alla cui direzione lasciò poco dopo il suo giovane allievo Angelo Tricca, noto illustratore.

La scuola, un cenacolo di giovani artisti, venne istituzionalizzata nel 1888 grazie al cav. Giuseppe Giovagnoli, sindaco di Sansepolcro e divenne la “Scuola d’arte e mestieri applicata all’industria”, rivolgendosi soprattutto ad aspiranti artigiani che spesso si rivelarono pregevoli artisti.

Fu nel 1923 che, con la riforma Gentile, la scuola entrò alle dirette dipendenze del Ministero dell’Istruzione e operò nella Valtiberina formando valenti artigiani nei settori tipici del territorio (ferro battuto, ricamo e merletto a fusello, intaglio, tarsia dei mobili ed ebanisteria)

Dopo la II Guerra mondiale, con la denominazione di “Scuola Statale d’arte G. Giovagnoli”, grazie all’oculata direzione del prof. Ezio Lupattelli, l’Istituto si aprì a nuove strade, inserendo tra le sue specializzazioni anche l’arte della gioielleria e del tessuto.

Nel 1961, il Ministero della Pubblica Istruzione trasformò la scuola in “Istituto Statale d’arte G. Giovagnoli” e, nello stesso anno, venne inaugurata anche la sede distaccata di Anghiari con la specializzazione di Arte del legno.

Attraverso varie trasformazioni, compresa l’istituzione di una Scuola Media Annessa e di un corso secondario di 5 anni che permettesse l’accesso all’università, l’Istituto d’arte, nel 1995,  approdò,  sotto la direzione del prof. Benito Carletti, alla sperimentazione liceale aderendo al Progetto Michelangelo , nella prospettiva di una formazione più approfondita ed articolata per gli studenti.

Parallelamente all’Istituto di Sansepolcro, anche quello di Anghiari si allineò a tale progetto con la specializzazione di “Arte e restauro delle opere lignee”

Con la riforma Gelmini del 2010, l’Istituto d’Arte venne trasformato in Liceo Artistico e, pur mantenendo le sue caratteristiche di creatività e progettualità che si traduce in realizzazione pratica, vide ampliato e potenziato il piano curricolare delle discipline umanistiche e scientifiche.

Ad oggi il Liceo Artistico, nelle sue sedi di Sansepolcro e Anghairi, ha attive 3 sezioni:

Architettura e ambiente (Sansepolcro)

Design (in particolare Design del gioiello e Design del tessuto a Sansepolcro e Design del legno ad Anghiari)

Grafica (Sansepolcro.

Anche l’Istituto professionale affonda le sue radici nel passato e precisamente nel 1959 quando venne aperta a Sansepolcro una sede distaccata di quello che nel tempo, dopo varie trasformazioni, era diventato l’Istituto Professionale Margaritone di Arezzo.

Nel 1999 questa sezione dell’IPSIA venne aggregata all’ ISA di Sansepolcro, successivamente all’IPA di Pieve Santo Stefano per poi tornare definitivamente a far parte dell’ I.I.S. “G. Giovagnoli” di Sansepolcro.

Nel 2002 l’Istituto, ormai radicato nel territorio valtiberino, è stato intitolato a F. Buitoni e, in linea con le nuove sperimentazioni, persegue un piano di continua innovazione che offre agli studenti sia la possibilità di accedere al mondo del lavoro che quella di approfondire la loro formazione all’università.